LA GUIDA ANTI-AGING DI MILOON: Parte 3.

 

 

Benvenuti nel nuovo episodio della guida di K-Beauty di Miloon dedicata al mondo anti-età. In questo capitolo parleremo di ciò che rende una crema anti-invecchiamento così speciale. Inoltre, approfondiremo la nostra conoscenza degli anti-età per scoprire quale principio funziona meglio per combattere i segni del tempo.

 

 

CREME ANTI ETA’: COSA CONTEGONO?

Con il passare degli anni, la pelle del viso perde elasticità e comincia a mostrare i primi segni del tempo.

E’ importante prendersene cura regolarmente e nel modo giusto, partendo da uno stile di vita sano e un’alimentazione equilibrata e ricca di antiossidanti naturali. Ma per integrare tutto questo possiamo ricorrere agli effetti delle crema anti età. Si tratta di un tipo di crema viso specifica per pelli mature, caratterizzata da agenti nutritivi e idratanti ad azione intensa volti a ridurre le rughe della pelle del viso. Quando si sceglie una crema anti-age  è importante scegliere un prodotto di qualità, basandoci sulla nostra età e sulle esigenze specifiche della nostra pelle, come anticipato nella prima parte della guida.

Ogni crema antirughe viene pertanto formulata combinando i diversi tipi di ingredienti sopra elencati, in funzione dell’effetto finale che si vuole ottenere (come, ad esempio, contrastare o prevenire la formazione delle prime rughe, agire sulle rughe già formate e/o su altri inestetismi cutanei che possono manifestarsi sul nostro viso con l’avanzare del tempo). In generale una crema antirughe dovrebbe contenere questi principi:
Vitamina A, conosciuta anche come retinolo, è molto usata nei prodotti cosmetici anti età; la sua funzione è quella di rigenerare le cellule e stimolare la produzione di collagene nella pelle. La forma attiva della vitamina A è l’acido retinoico, che però viene usato solamente in creme farmacologiche per curare inestetismi gravi come l’acne. La vitamina A e in genere i prodotti retinoidi, in rari casi possono avere degli effetti irritanti e fotosensibilizzanti.

La vitamina E viene utilizzata insieme alla vitamina A perché contrasta il suo effetto sensibilizzante. La vitamina E è conosciuta anche con il nome di tocoferolo ed è un potente antiossidante liposolubile presente in natura in molti vegetali e nella frutta.

L’acido ialuronico è una molecola presente nella pelle umana in grado di trattenere l’acqua. Per questo motivo è considerato un lubrificante del derma, ed è utilizzato anche nella chirurgia estetica come filler, cioè riempitivo da iniettare sotto la cute per riempire i vuoti creati dalle rughe. È molto presente e pubblicizzato nelle creme anti età, tuttavia ha semplicemente un effetto idratante.

 

 

PRINCIPI ANTI-ETA’.

Tuttavia, indipendentemente dalle creme anti età, una combinazione di diversi ingredienti può avere proprietà anti-age.

Le principali sostanze che possono essere sono:

– Le sostanze idratanti; Queste includono le sostanze occlusive (come, ad esempio, la paraffina liquida, sostanza che ritroviamo negli ingredienti delle creme sotto il nome di “paraffinum liquidum”) ; le sostanze in grado di integrare il film idro-lipidico, fra cui ricordiamo gli oli, i burri e i grassi vegetali (come, ad esempio, l’olio di argan, l’olio di oliva e il burro di karité), oppure sostanze come il miele, la glicerina, la vitamina C, il pantenolo, l’acido ialuronico, l’aloe gel o proteine come il collagene o l’elastina; le sostanze che modificano chimicamente il contenuto di acqua nell’epidermide (gli alfa-idrossiacidi)
.

– Le sostanze ridensificanti; 
Le sostanze ridensificanti agiscono a livello del derma, più precisamente a livello dei fibroblasti, le principali cellule che lo costituiscono, responsabili della sintesi di collagene, fibre elastiche e glicosaminoglicani.
Nella classe delle sostanze ridensificanti troviamo sostanze che impediscono la degradazione degli elementi da essi prodotti, quindi del collagene, delle fibre elastiche e dei glicosaminoglicani come l’acido ialuronico.
Fra le principali sostanze ad azione ridensificante, ricordiamo: la vitamina C, alcuni oli e grassi vegetali (burro di karité, olio di oliva, ecc.) e alcuni particolari tipi di sostanze conosciuti con il nome di “peptidi biomimetici.

– Le sostanze antiossidanti;
 Le sostanze antiossidanti hanno il compito di contrastare lo stress ossidativo dei radicali liberi, coinvolto nella formazione di questi fastidiosi inestetismi cutanei. Tra queste troviamo le vitamine A, C ed E, i polifenoli  e gli antiossidanti vegetali (come il resveratrolo, l’acido caffeico, ecc.), gli enzimi ad azione antiossidante.

– Le sostanze nutrienti: Come i diversi tipi di amminoacidi, lo zinco, il rame, il magnesio e il manganese, stimolano il metabolismo favorendo, pertanto, il rinnovamento delle cellule che la compongono.

– Le sostanze che stimolano il microcircolo: migliorano la microcircolazione della pelle, favorendo lo scambio di nutrienti per una pelle sempre sana come la vitamina C, l’escina e gli antociani (di cui il mirtillo è particolarmente ricco).

– Le sostanze esfolianti: facilitando il ricambio della parte più superficiale dell’epidermide timolando in questo modo il rinnovamento cellulare. Per saperne di più ti consigliamo di leggere la nostra guida agli esfolianti.

– Le sostanze che decontraggono i muscoli mimici: si tratta dei muscoli che usiamo quotidianamente per esprimere emozioni e stati d’animo (sia in maniera volontaria che involontaria) è, infatti, responsabile dell’insorgenza di quelle che vengono definite “rughe d’espressione” che, con l’avanzare dell’età tendono a diventare permanenti e sempre più visibili.
Ma non c’è bisogno di ricorrere al botox: fra le varie sostanze in grado di svolgere questo particolare tipo d’azione ricordiamo l’acido gamma-amminobutirrico (o GABA) e gli esapeptidi (molecole formate da sei amminoacidi, le unità fondamentali che costituiscono tutte le proteine).

– Le sostanze schiarenti. Non ultimo, anche gli schiarenti possono avere delle funzioni anti-età, anche se la loro funzione principale è quella di schiarire la pelle, contrastando le macchie cutanee senili e le macchie cutanee solari. Ne abbiamo parlato nella nostra Guida di Milano ai sunscreen. Anche in questo caso vitamina C, così come l’acido azelaico e alcuni tipi di estratti vegetali (fra cui certamente spicca l’estratto di liquirizia) possono aiutare significatamente.