LA GUIDA DI MILOON ALL’ ACNE: Parte 2.

 

miloon guida acne 2 blog


La scorsa settimana abbiamo inaugurato una nuova guida di miloon dedicata all’acne, in cui introducevamo questo spinoso problema. Se te lo fossi perso, puoi trovarlo qui. Ora immergiamoci nei diversi tipi di acne.

TIPI DI ACNE.

In generale, possiamo distinguere tra tre gruppi di acne. Acne Vulgaris, Acne Fulminans e Acne Mechanica.

L’acne vulgaris è sicuramente la più diffusa. Raccoglie diversi tipi di lesioni legate all’acne: punti neri, brufoli, papule, pustole, noduli e cisti:

• Punti neri: follicoli non ancora infettati né ostruiti che ricordano delle macchie scure sulla pelle.

• Punti Bianchi: follicoli ostruiti coperti da un sottile strato di pelle che ricorda una protuberanza bianca o una macchia bianca.

• Papule: lesioni infiammate che possono apparire rosse e possono risultare dolorose.

• Pustole: lesioni infiammate che si riempiono di pus. Possono essere bianche o gialle. Se schiacciate possono lasciare le cosiddette cicatrici da acne.

• Noduli: una grave forma sottocutanea di lesione acneica che, pur non contenendo pus, può essere difficile da toccare.

• Cisti: una forma molto grave di lesione acneica che può infiammarsi e riempirsi di pus. Generalmente dolorosa, richiede il ricorso a cure mediche professionali.

L’acne fulminante: è una forma molto grave di acne caratterizzata da acne infiammatoria nodulare sia sul petto che sulla schiena. Può sorgere all’improvviso e colpisce soprattutto i giovani maschi. Tra i molti problemi, può provocare gravi cicatrici e articolazioni dolorose.

Acne Mechanica: l’eccesso di pressione, il calore e l’attrito possono avere un impatto profondo sulla pelle e causare questa forma molto aggressiva di acne. Questo tipo di acne spesso affligge gli atleti e tutti coloro con tendenza all’acne. I suoi segni distintivi sono piccole protuberanze che possono degenerare in lesioni infiammate.

GRADI DI GRAVITÀ.

L’acne vulgaris può essere visualizzata su una scala in base a 4 diversi gradi di gravità.

Grado I: condizione lieve. La pelle che sviluppa acne di grado I può avere punti bianchi, punti neri e piccoli brufoli, senza però sviluppare forma di infiammazione. Spesso è autodiagnosticata e compare nell’adolescenza. L’acne con sfoghi cutanei di grado 1 colpisce l’area del naso e della fronte e compare più spesso nell’adolescenza. Anche gli adulti possono sperimentare questo tipo di acne, di solito con punti neri che compaiono sul naso o sulla fronte.

Grado II: condizioni moderate. Il grado II mostra la formazione di una quantità enorme di comedoni sulla pelle: la rottura è più frequente, così come nel caso di pustole e papule che sviluppano sensibilità al tatto.

Grado III: gravi infiammazioni. Le infiammazioni di grado III compaiono sotto forma di papule e pustole, oltre a sviluppate la formazione di alcuni noduli.

Grado IV: gravità massima. Questa forma altamente aggressiva di acne presenta noduli, cisti, pustole e papule che spesso affliggono altre aree oltre al viso che può portare a cicatrici e sfigurazioni, se non trattate in maniera adeguata. Attenzione! Studi medici affermano che l’isotretinoina orale è l’unico farmaco approvato per il trattamento dell’acne cistica grave. In caso di forme gravi di acne, è necessario consultare un dermatologo per evitare danni permanenti alla pelle. Ricorda che, come in molti argomenti relativi alla salute, la prevenzione è sempre la scelta corretta.

COME PREVENIRE L’ ACNE.

Il problema con l’acne non riguarda solo la nostra pelle, ma incide sulla percezione generale del nostro corpo e sulla nostra autostima. Combattere l’acne può sempre essere un processo doloroso, lungo e costoso. Ancora una volta, uno stile di vita regolare è la chiave per tenerla lontana.

Vi proponiamo alcune semplici regole da seguire ogni giorno.

1. Detergiti in profondità quotidianamente. Anche se non hai l’acne, ricordati di mantenere il viso ben pulito dalle impurità, le cellule morte e il sebo in eccesso sulla superficie della pelle, almeno due volte al giorno. Se ci segui su K-Words, dovresti sapere che suggeriamo la doppia detersione come regola d’oro per una pelle pura. Segui questo link per saperne di più sulla doppia pulizia. Quando strofini la pelle, fallo delicatamente e aiutati usando un panno morbido o le mani. Risciacqua bene con un asciugamano pulito per sfavorire il contatto con i germi. Ricorda: usa l’asciugamano soltanto una volta.

2. Idrata bene. L’uso di idratanti riduce al minimo secchezza e screpolatura della pelle causate dai prodotti anti-acne. Leggi le etichette facendo attenzione a cercare la parola “non comedogenico”, termine medico che significa “non causa l’acne”. Come sai, c’è una quantità enorme di idratanti che puoi scegliere in base al tipo di pelle.

3. Evita il trucco eccessivo. Evita di indossare un fondotinta pesante quando hai uno sfogo. Ancora una volta è importante struccare lavandosi, alla fine della giornata, con cosmetici privi di olio e di prodotti chimici. Leggi bene l’etichetta e cerca la parola “non-comedogenico” che significa che questo non dovrebbe causare l’acne.

4. Stai attenta ai tuoi capelli. Sì, capelli. Se usi grasso o prodotti nutrienti oleosi durante uno sfogo cutaneo, questi possono bloccare i pori della pelle e irritarla se arrivano a contatto con il viso. Utilizza uno shampoo e un balsamo delicato e non aggressivo. Stesso dicasi per i capelli grassi. Evita assolutamente il contatto con la faccia.