LA GUIDA ANTI-AGING DI MILOON: Parte 1.

 

miloon guida antiaging

I segni del tempo: ritardare, invertire, COMBATTERE.

Benvenuti nella nuova entusiasmante guida di Miloon K-Beauty dedicate ai problemi della pelle. Ricorda: puoi trovare una raccolta completa delle nostre guide seguendo questo link.

La filosofia occidentale è solita pensare che tutto sia perfetto fino ai 35 anni. Questo è quando tutti i processi della pelle iniziano contemporaneamente a rallentare. Ma la scienza ci dimostra come i diversi processi cellulari in corso sulla nostra pelle cambiano ad ogni decennio. Questi diventano evidenti solo quando questi effetti si manifestano tutti insieme. Ma approfondiamo in cosa consistono esattamente i segni del tempo: vediamo assieme come cambia la nostra pelle nel corso dei decenni.

 

miloon guida antiaging


COSA SIGNIFICA INVECCHIAMENTO?

L’invecchiamento è un processo naturale durante il quale sia il processo di rinnovamento cellulare della pelle che la produzione di collagene, rallentano. Questo indebolisce la struttura interna di supporto e la barriera di protezione naturale della pelle. Se combinato con fattori ambientali o legati allo stile di vita – come ad esempio l’inquinamento – questo deterioramento dei processi della pelle può provocare la comparsa prematura di rughe ed altri segni del tempo.

 

miloon guida antiaging

20 ANNI: PREVENIRE E PREPARARSI.

Il primo processo che inizia a non funzionare è la produzione naturale di antiossidanti e questo incomincia presto, già a 20 anni. Già allora, la pelle è suscettibile agli stress ossidanti e ai danni legati all’ossidazione. Inoltre, l’esposizione prolungata ai raggi UV nocivi del sole (foto-esposizione) causa una eccessiva produzione di melanina nella parte interna della pelle. Questo si traduce in iper-pigmentazione (leggi la nostra guida sull’acne se vuoi avere maggiori informazioni su questo tema). L’iperpigmentazione fa in modo che la nostra pelle assuma un tono scuro e irregolare. E’ da qui che nascono le occhiaie sotto gli occhi. Ma usare idratanti e creme solari a 20 anni potrebbe non essere sufficiente. In effetti, il momento migliore per iniziare a utilizzare prodotti con antiossidanti come vitamina C stabilizzata, vitamina E, estratto di tè verde e acidi della frutta dovrebbe essere proprio intorno al diploma.

 

miloon guida antiaging

30 ANNI: SEGNI DEL TEMPO FATEVI SOTTO.

A trent’anni il tuo metabolismo inizia a rallentare. Lo stesso succede per la produzione di collagene. Questa sostanza alimenta la bioenergia delle cellule della pelle per attivare i processi di riparazione e aiutare ad assorbire e trattare gli ingredienti di quei prodotti di bellezza che usi sulla tua pelle. In questo periodo cominciano ad apparire quelle sottili linee verticali che si originano dalle nostre espressioni facciali. La cosa triste, è che diventano più profonde con l’età.
Poi è il momento delle linee verticali sul viso causate dalla maniera in cui ridi.

Successivamente cominciano ad apparire le rughe nella zona delle sopracciglia. Le rughe intorno al naso e alla bocca sono più pronunciate, in parte per colpa della gravità. La nostra pelle inizia a perdere volume ed elasticità, e queste linee diventano più definite. Anche il labbro superiore inizia a diminuire di spessore.

Il risultato del calo delle bioenergia cellulare è una pelle stanca che non è più in grado di lavorare a pieno regime. In questo caso, la niacinamide, nota anche come vitamina B3, ha dimostrato di riuscire ad aumentare i livelli di bioenergia della pelle.

 


INTORNO AI 40: COMBATTERE LA SENESCENZA.

La senescenza è il processo del ciclo naturale di vita delle cellule della pelle che arrestano e incidono sulla carnagione. Certi ingredienti utilizzati per la cura della pelle come retinolo, acido glicolico e peptidi diventano importanti a questa età. Infatti questi favoriscono la ripresa dei processi cellulari nel momento in cui gli stessi iniziano a rallentare. Dopo i 40, la nostra pelle continua a perdere volume ed elasticità. Ciò si traduce in linee sul viso e pieghe conseguenti ad un drammatico abbassamento. Inoltre, un ulteriore cambiamento nell’aspetto generale del nostro volto può dipendere da una mascella sbilanciata, che può contribuire a rendere la nostra fisionomia ancora diversa.

 


DAI 50: IL BENEFICIO DELL’IDRATANTE.

Dopo i 50, la funzionalità della barriera cutanea si indebolisce. Tutto ciò fa si che la pelle si asciughi in maniera eccessiva. Ora le cellule non sono in grado di trattenere abbastanza a lungo l’idratazione. Ecco perché dopo i 51 anni di età, (per le donne è quando comincia la transizione verso la menopausa), gli esperti raccomandano di usare prodotti che sono ricchi di idratazione per contrastare il processo. L’invecchiamento procede in maniera più spedita. Ma è proprio ora che il buon vecchio esercizio aerobico viene in nostro soccorso. Infatti, fare jogging o andare in bicicletta due volte alla settimana può trasformare la struttura proteica della pelle in quelli di 65 anni e più, in modo che assomigli più da vicino alla pelle di quelli dai 20 ai 40 anni.